STAGIONE INDIZI 2018-2019: Ora e sempre resilienza!

“Ora e sempre resilienza”: è così che Teatro di Sacco presenta la 24 esima edizione della Stagione INDIZI 2018-2019. L’annuncio della Stagione si è tenuto durante la Conferenza Stampa, il 16 ottobre scorso, in Sala Cutu alla presenza dell’Assessore alla Cultura del Comune di Perugia, Dott.ssa Maria Teresa Severini, del Direttore di Teatro di Sacco Roberto Biselli e di alcuni ospiti della rassegna INDIZI: Emanuele Salce, Sandro Mabellini, Stefano Baffetti, Francesca Paola Iozzi ed Enzo Cordasco.

Resistere, resistere, resistere, ora e sempre resistenza! E’ con questo motto nel cuore Teatro di Sacco ha continuato, dal 1985, la sua battaglia per un teatro indipendente e di qualità, attraverso produzioni, laboratori, rassegne, eventi, performance, rapporti forti con tutto il territorio dell’Umbria. Un pensiero forte, fatto di amore per il teatro e di condanna continua per la sperequazione e il consociativismo, mali antichi della nostra splendida ma assai racchiusa regione.

Eppure, da 33 anni questa compagnia teatrale professionale continua ad offrire il suo contributo creativo e politico, da 24 anni organizza la stagione teatrale INDIZI appunto, nel suo teatro, la Sala Cutu; il suo storico direttore Roberto Biselli è diventato docente di storia del teatro italiano presso l’Università per Stranieri di Perugia, nonché direttore artistico della sezione Off del Todi Festival, che già tanto successo ha riscosso nelle ultime edizioni.

Grandi traguardi, quindi, in termini di qualità e durata, forse dovremmo dire in termini di tigna e resistenza, considerando lo scarso sostegno degli Enti preposti.

E allora, citando Wikipedia, “ora e sempre Resilienza” ovvero capacità di un sistema di adattarsi al cambiamento. In psicologia, la resilienza è la capacità di far fronte in maniera positiva agli eventi traumatici. Nel risk management, la resilienza è la capacità intrinseca di un sistema di modificare il proprio funzionamento prima, durante e in seguito ad un cambiamento o ad una perturbazione, in modo da poter continuare le operazioni necessarie sia in condizioni previste che in condizioni impreviste.

Come ha sottolineato l’Assessore Severini, “ben venga la resilienza che ha permesso a Teatro di Sacco di proseguire la propria mission, seppur con poche risorse finanziarie disponibili che spesso gli Enti, pur avallando i progetti, non riescono a garantire”.

Comments

comments